Rai Premium

Canale 25 Digitale Terrestre
Canale 15 Tivù SAT

I programmi di Rai Premium

La leggenda del bandito e del campione

Miniserie  (2 puntate)
Paese e anno
: Italia 2010
Regia:  Lodovico Gasparini
Cast: Beppe Fiorello, Simone Gandolfo, Raffaella Rea, Sarah Maestri, Giuseppe Lo Console, Anna Ferruzzo, Alfredo Pea, Gaetano Aronica, Ettore D’Alessandro, Paolo Pierobon, Antonio Della Mura, Leonardo Caneva

 

La leggenda del bandito e del campione, miniserie del 2010 di Lodovico Gasparini tratta dal romanzo di Marco Ventura Il campione e il bandito, racconta la storia del ciclista Costante Girardengo (Simone Gandolfo) e del suo amico bandito Sante Pollastri (Beppe Fiorello), un legame oltre il pregiudizio e i rischi che poteva comportare, nato agli albori del Novecento nella cittadina natìa di entrambi, Novi Ligure. I due conservano ancora i ricordi degli anni trascorsi insieme e si incontrano nuovamente a Parigi, nel 1926, dove Girardengo si prepara a sfidare l’eterno rivale Henri Pélissier e il bandito fugge, anche grazie alla sua velocità in bicicletta, dalle guardie italiane e d’oltralpe che lo inseguono. Anche Sante era destinato a diventare un campione, ma macchiatosi dell’omicidio dello stupratore della sua futura compagna, dovrà fuggire e darsi al brigantaggio. Proprio la vita in fuga di Pollastri non permetterà a lui e all’amico campione Girardengo di approfondire la loro amicizia, della quale resterà vivo in entrambi il ricordo, l’intensità e la sincerità del legame. Una vicenda già cantata da Francesco De Gregori nel brano Il Bandito e il Campione.

 

Note di produzione a cura di Mario Rossini (Red Film)

La produzione, realizzata interamente a Torino e dintorni con il sostegno della Film Commission Torino e Piemonte, ha impiegato più di 1000 comparse e stunt e si è servita di effetti speciali e digitali, anche per ottenere un'accurata ricostruzione d'epoca, degli anni 1910/1940. Per ambientare al meglio le scene descritte sono state scelte delle location tra le più suggestive, individuando quelle che si rifacevano a degli ambienti di Parigi dell'epoca e in qualche caso abbiamo trovato dei luoghi dove non si era mai girato per i quali per la prima volta hanno dato autorizzazioni speciali espressamente per questa miniserie. La scelta scenografica è stata complicata anche perché non c'erano vaste testimonianze visive o di repertorio ma solo foto dell'epoca.
La scelta del cast, tutta italiana, i costumi molto appropriati, il trucco e le parrucche che hanno impegnato moltissimo personale con faticose giornate di lavoro e di preparazione per le innumerevoli presenze tra attori e comparse ogni giorno sul set, hanno contribuito alla messa in scena di queste due puntate.
Durante la lavorazione particolarmente suggestive sono state le riprese con i treni a vapore dell'epoca, messi a disposizione da Trenitalia. Le scene hanno come sfondo uno dei paesaggi più suggestivi della Toscana, la  Val D'Orcia  dove ancora esiste una linea non elettrificata. Sarebbe importante, a mio avviso, che una storia di questo genere possa avere un respiro internazionale, circolando nei festival e nelle rassegne cinematografiche.

I Programmi di Rai Premium

IN ONDA

ARCHIVIO

Tutti i programmi di Rai Premium